𝙲𝙰𝚂𝚂𝙰𝙳𝚁𝙸𝚃𝚃𝙰

  • MARTEDì 29 Giugno
  • INGRESSO GRATUITO
  • Playground Largo Passamonti, San Lorenzo

Registrati per partecipare all’evento

 

 

Nuovo appuntamento con | 𝗚𝗜𝗨𝗙𝗔’ 𝗦𝗖𝗘𝗡𝗗𝗘 𝗔 𝗦𝗖𝗔𝗟𝗢 𝗘 𝗣𝗥𝗘𝗦𝗘𝗡𝗧𝗔 | 📖

 

👉 Questa volta presentiamo il libro di Roberto Grossi 🔊𝙲𝙰𝚂𝚂𝙰𝙳𝚁𝙸𝚃𝚃𝙰 🔊 edito da Coconino Press.

Partecipa alla presentazione 𝙳𝚄𝙺𝙰.

 

La presentazione è a cura di Giufà Libreria Caffè ❣

 

IL LIBRO 📖

“È ora di togliere il coperchio che copre questa città di macerie. Questa gigantesca pentola dimenticata sul fuoco a bollire… piena di rabbia covata, di frustrazioni represse, di costrizioni subite. Togliamo il coperchio. Facciamoli ballare!”.
Venticinque anni fa, prima degli smartphone e dei social network, migliaia di persone si organizzavano con mappe e passaparola clandestini e attraversavano la notte verso periferie sconfinate, capannoni in rovina, fabbriche abbandonate, per fondersi in un unico ritmo pulsante e ballare in trance fino allo sfinimento. Un rito collettivo, liberatorio, e allo stesso tempo un atto politico. Un modo per riappropriarsi degli spazi vuoti della città, una resistenza impossibile che accomunava tribù urbane e classi sociali diverse contro la speculazione edilizia e l’industria del divertimento. 🪘☄
Con Cassadritta Roberto Grossi ci trascina nel cuore di una notte del 1995 a Roma. E insieme a Bruno, Torazina, Bambi e agli altri protagonisti di questo graphic novel, ci fa rivivere la scena irripetibile e vibrante dei rave illegali degli anni Novanta. 🔊❌
Roma, 1995, sabato notte. In auto, in motorino, seguendo le indicazioni di flyer, mappe approssimative e scritte sui muri, vari gruppi di ragazzi si dirigono verso una periferia sterminata e desolata. In un capannone industriale dismesso si tiene il primo rave illegale della primavera. Per Bruno, Bambi, Torazina, Cubo e tanti altri va in scena il rito collettivo: una notte per ballare fino allo sfinimento, in un pacifico miscuglio di classi sociali, tribù urbane e droghe. È l’ora di scrollarsi di dosso rabbia e frustrazioni, di allontanarsi dalla città che soffoca e reprime, di lasciarsi andare al ritmo ipnotico della musica. In una Roma grigia e sconfinata le traiettorie umane di diversi personaggi si intrecciano fino a trovare un senso, un’identità comune. Fino all’arrivo di un’alba che si colora di blu…
Attraverso una storia collettiva e plurale, con montaggio serrato e ritmo incalzante, Roberto Grossi racconta le periferie urbane e i loro cambiamenti, e ricostruisce la stagione irripetibile dei rave illegali degli anni Novanta, le controculture e le aspirazioni umane e sociali che la animavano.

L’AUTORE ✒

 

Roberto Grossi vive a Roma ed è architetto, illustratore, autore di fumetti. I suoi lavori sono apparsi su diverse riviste e quotidiani, tra cui Pulp Comix, Blue, Blue-Derive, Olis, Derive e Approdi, Gomorra, il Manifesto, Animals e riviste-libro come Squame, BComics e Galago in Svezia. Dal 2005 al 2008 è stato uno degli illustratori del quotidiano Liberazione. Dal 2008 al 2010 ha collaborato con il settimanale Carta. Dal 2011 pubblica i suoi lavori sul blog Glom! Nel 2013 ha pubblicato come autoproduzione il suo primo libro come autore unico, 3boschi, che ha ottenuto la Menzione speciale al Premio Cosmonauti del festival Tra le Nuvole 2014. Il suo nuovo graphic novel Il grande prato esce nel 2017 per Coconino Press- Fandango. Con Cassadritta Roberto Grossi ci trascina nel cuore di una notte del 1995 a Roma. E insieme a Bruno, Torazina, Bambi e agli altri protagonisti di questo graphic novel, ci fa rivivere la scena irripetibile e vibrante dei rave illegali degli anni Novanta. Attraverso una storia collettiva e plurale, con montaggio serrato e ritmo incalzante, Roberto Grossi racconta le periferie urbane e i loro cambiamenti, e ricostruisce la stagione irripetibile dei rave illegali degli anni Novanta, le controculture e le aspirazioni umane e sociali che la animavano.

 

 

 

 

 

*In tutti gli eventi di Scalo Playground saranno attuate misure di contenimento del contagio Covid-19 e in tutte le aree del Festival verrà garantito un congruo livello di affollamento.