Giufà scende a Scalo e presenta | TOPOGRAFIA di Sylvie Richterová

  • GIOVEDì 24 Giugno
  • Dalle 19:00
  • INGRESSO GRATUITO
  • Playground Largo Passamonti, San Lorenzo

Registrati per partecipare all’evento

Eccoci con un altro approfondimento di | 𝗚𝗜𝗨𝗙𝗔’ 𝗦𝗖𝗘𝗡𝗗𝗘 𝗔 𝗦𝗖𝗔𝗟𝗢 𝗘 𝗣𝗥𝗘𝗦𝗘𝗡𝗧𝗔 |Questa volta presentiamo il libro di Sylvie Richterová 🔸 𝙏𝙤𝙥𝙤𝙜𝙧𝙖𝙛𝙞𝙖 🔸
Partecipa alla presentazione 𝙇𝙪𝙘𝙞𝙖𝙣𝙤 𝙁𝙪𝙣𝙚𝙩𝙩𝙖.
La presentazione è a cura di Giufà Libreria Caffè ❣

IL LIBRO 📖

Era il 1981 quando Topografia venne pubblicato a Praga nell’ambito del samizdat, il sistema clandestino di stampa e diffusione messo a punto per sfuggire alla censura del regime. La storia di quest’opera irrequieta non poteva che iniziare in clandestinità. Fedele alla propria natura, per quarant’anni Topografia si è preoccupato, quasi non potesse farne a meno, di scomparire nel nulla e dal nulla riapparire: a Colonia nel 1983, in Italia nella «Collana praghese» di e/o diretta da Milan Kundera nel 1986, in Francia per Gallimard nel 1995. Una famiglia ceca alle prese con una sgangherata vacanza in Jugoslavia, un bambino nato «nero come un’ombra, immateriale come uno spettro», un uomo che, per salvare il bilancio familiare, da Praga va a Parigi per tentare di vendere un’incisione di Dürer, un esule russo che un sabato arriva a Roma con l’intenzione di raccontare a tutti cosa sta succedendo oltrecortina. E ancora mille individui, città, strade e notti bianche, una festa melancolica, colma di umorismo. Con una lingua che sembra non avere origine che da sé stessa Sylvie Richterová modella la materia della memoria e dell’esilio, e regala al lettore un racconto dalle coordinate evanescenti in cui ogni elemento sfugge a sé stesso e che sembra rispondere al proclama di Lautréamont: «Io, come i cani, provo il bisogno dell’infinito». Corredato da alcuni collage di Jiří Kolář, da un testo critico di Massimo Rizzante, da due note inedite dell’autrice e in traduzione aggiornata, Topografia riappare nell’anniversario della sua prima pubblicazione per ribadire ancora una volta la propria essenza di opera mutevole, impossibile da catalogare, ostinatamente viva.

L’AUTRICE ✒

Sylvie Richterová (Brno, 1945) è autrice di romanzi, raccolte di poesie e saggi letterari. Vive in Italia dal 1971, ha insegnato letteratura ceca nelle università di Padova, Viterbo e Roma. Come accadde a molti altri esponenti del dissenso, durante il regime sovietico i suoi libri erano proibiti in patria e venivano pubblicati in edizioni samizdat. Il romanzo Che ogni cosa trovi il suo posto è uscito in ceco nel 2014 ed è stato accolto con grande entusiasmo da pubblico e critica. L’autrice ha vinto per due volte, nel 1994 e nel 2016, il Premio del Fondo Letterario Ceco, nel 2017 il prestigioso premio Tom Stoppard per la critica letteraria e nel gennaio 2018 il Premio della città di Brno per la letteratura. Attualmente vive tra Praga e Trevignano Romano.
——————————————–
✅ In tutti gli eventi di Scalo Playground saranno attuate misure di contenimento del contagio Covid-19 e in tutte le aree del Festival verrà garantito un congruo livello di affollamento

 

*In tutti gli eventi di Scalo Playground saranno attuate misure di contenimento del contagio Covid-19 e in tutte le aree del Festival verrà garantito un congruo livello di affollamento.