GLI DEI DELL’ASFALTO | La storia del Rucker Park – ADD editore 

  • LUNEDì 5 Luglio
  • INGRESSO GRATUITO
  • Playground Largo Passamonti, San Lorenzo

Registrati per partecipare all’evento

 

Nuovo appuntamento con | 𝗚𝗜𝗨𝗙𝗔’ 𝗦𝗖𝗘𝗡𝗗𝗘 𝗔 𝗦𝗖𝗔𝗟𝗢 𝗘 𝗣𝗥𝗘𝗦𝗘𝗡𝗧𝗔 | 📖

 

👉 Questa volta presentiamo il libro di Vincent M. Mallozzi 🏀 𝗚𝗟𝗜 𝗗𝗘𝗜 𝗗𝗘𝗟𝗟’𝗔𝗦𝗙𝗔𝗟𝗧𝗢 – 𝗟𝗮 𝘀𝘁𝗼𝗿𝗶𝗮 𝗱𝗲𝗹 𝗥𝘂𝗰𝗸𝗲𝗿 𝗣𝗮𝗿𝗸 🏀 edito da Add editore.

 

Partecipano alla presentazione 𝗘𝗱𝗼𝗮𝗿𝗱𝗼 𝗖𝗮𝗶𝗮𝗻𝗶𝗲𝗹𝗹𝗼 e 𝗠𝗮𝘁𝘁𝗲𝗼 𝗕𝗮𝗿𝘂𝘇𝘇𝗼

 

La presentazione è a cura di Giufà Libreria Caffè ❣

 

𝗟𝗮 𝘀𝘁𝗼𝗿𝗶𝗮 𝗱𝗲𝗹 𝗥𝘂𝗰𝗸𝗲𝗿 𝗣𝗮𝗿𝗸 🏀⛹

Ad Harlem, tra la 155ma Strada e l’Ottava Avenue, c’è un campo da basket diverso dagli altri, il luogo “dove gli dei del basket tornano uomini” e si mettono alla prova con gli eroi della pallacanestro di strada.

Oggi il Rucker Park è un’istituzione, una meta turistica, un campo su cui sono passati i grandi professionisti: da Jabbar a Doctor J, da Vincent Carter a Kevin Durant. Tutto si deve a Holcombe Rucker, un ex marine che, nel secondo dopoguerra, lavorava come addetto al verde pubblico di Harlem. Holcombe sapeva quanto la strada fosse pericolosa per i ragazzi e decise che avrebbe fatto di tutto per salvarli. Il basket era la soluzione.

Grazie a lui, il playground che oggi porta il suo nome divenne il centro della vita del quartiere e lì i “suoi” ragazzi erano più o meno al sicuro. Attraverso lo sport molti di loro approdarono a una scuola superiore, altri invece si persero in vite complicate, ma ognuno ha portato un tassello per costruire l’epopea del basket di strada.

Il libro di Vincent Mallozzi racconta le loro storie, i tornei estivi trasmessi dalle tv nazionali, l’arrivo dei marziani NBA che spesso tornavano a casa sconfitti, le partite celebri e gli aneddoti curiosi. Racconta la pallacanestro che si gioca ad Harlem, con la pioggia o con il sole, con diecimila spettatori assiepati sui tetti o nel silenzio di una notte d’agosto. Racconta come lo sport è diventato leggenda.

 

«Se non fosse per Holcombe Rucker, l’NBA che conosciamo oggi non sarebbe la stessa»

 

 

 

 

 

*In tutti gli eventi di Scalo Playground saranno attuate misure di contenimento del contagio Covid-19 e in tutte le aree del Festival verrà garantito un congruo livello di affollamento.